Cos’è la parodontite?

La malattia parodontale è una patologia che riguarda i tessuti di sostegno del dente: la gengiva, il legamento parodontale, il cemento radicolare e l’osso alveolare. Nel linguaggio comune è talvolta ancora in uso il termine analogo di “piorrea”, da tempo abbandonato in ambito medico. Esistono diverse forme di malattia parodontale che si differenziano per le cause, l’estensione e la gravità. Solitamente lo stato iniziale di questa patologia è la gengivite che sfocia poi in parodontite.

Che differenza c’è tra gengivite e parodontite?

I due termini non sono sinonimi tra loro, vediamo le differenze:

Per gengivite si intende un’infiammazione dei tessuti gengivali che sono intorno al dente; i sintomi caratteristici sono legati a sensazione di bruciore, dolore associato ad arrossamento, gonfiore e talvolta sanguinamento.

La parodontite, invece, risulta essere un’infezione vera e propria dei tessuti parodontali ovvero di tutte le strutture di sostegno del dente quali l’alveolo osseo, il legamento e le gengive. Questo tipo di patologia può determinare l’allontanamento dal dente di tutti i suoi tessuti circostanti fino, nei casi più gravi, ad ottenere mobilità e perdita dentale. I sintomi possono manifestarsi con ascessi, sanguinamenti, pus e formazione di “tasche parodontali” dove si annidano i batteri che aggravano la patologia e possono, talvolta, determinare anche “alito cattivo”.

Quali sono le cause?

Sono malattie infiammatorie ad eziologia batterica che colpiscono prevalentemente soggetti predisposti; in questi pazienti, se non si ha un’ottima igene orale, l’accumulo di placca batterica è in grado di attaccare i tessuti parodontali danneggiandoli ed indebolendo così il sostegno dell’elemento dentale. Va ricordato che in presenza di affollamento dei denti, essendo la detersione con lo spazzolino meno efficace, si può andare incontro con maggiore facilità alla formazione di tartaro sopra e sottogengiva. Inoltre, le abitudini viziate, quali tra tutte il fumo, possono peggiorare il quadro clinico.Si ricorda poi che lo stress (che indebolisce le difese immunitarie), la gravidanza e alcune patologie (ad esempio il diabete con glicemia alta, le infezioni da HIV, alcune poliartriti su base immunitaria, radio e chemioterapie, ecc.) accelerano l’avanzamento di questa patologia.

Sono reversibili?

La gengivite, nella maggior parte dei casi, è reversibile dopo la rimozione delle cause responsabili. La parodontite, invece, è una patologia irreversibile, quindi, di più difficile gestione; si può ottenere, però, con un’adeguata terapia, il rallentamento della progressione della patologia, evitando la perdita precoce dei denti. Si può intervenire con una terapia causale seguita da frequenti sedute d’igiene orale, levigature radicolari, laser terapia e, nei casi più avanzati, si può ricorrere a chirurgia rigenerativa con innesti ossei o gengivali.

E’ utile analizzare il PH salivare?

L’analisi del Ph salivare permette di stabilire a quali problematiche dento-gengivali si è maggiormente predisposti. Se troviamo ad esempio un Ph salivare basso, quindi un ambiente acido, lasciamo che i batteri sviluppino acidi con cui attaccano lo smalto dentario causando la carie, mentre con un Ph alto, cioè in un ambiente basico, il calcio contenuto nella saliva forma molto più facilmente tartaro predisponendo a problematiche gengivali e parodontali.

Che cosa si intende per sondaggio parodontale?

Serve a diagnosticare e quantificare la perdita dei tessuti di supporto del dente causata dai batteri e a rilevare la presenza di manifestazioni infettive e infiammatorie degli stessi, tipiche della malattia parodontale (sanguinamento, pus). Si effettua con uno strumento manuale millimetrato (sonda parodontale) che viene fatto scorrere lungo tutta la circonferenza di ogni elemento dentale. Tale esame clinico viene completato dalla rilevazione del grado di mobilità di ogni dente. Il “sondaggio parodontale” è quindi utile a diagnosticare quadri di Parodontite di diversa gravità.

La malattia parodontale può essere associata ad altre patologie?

La malattia parodontale non è sempre associata ad altre patologie, è stato visto però che è spesso correlata con le lesioni dei vasi sanguigni indotte dall’arterosclerosi e quindi con le malattie cardiovascolari che ne derivano. Inoltre si è visto che nei soggetti diabetici la terapia parodontale, probabilmente, contribuisce al raggiungimento di un miglior controllo della glicemia e che la malattia parodontale svolge un ruolo aspecifico in eventi negativi associati alla gravidanza (es. parto pretermine e/o nascita di bambini sottopeso).

Il nostro studio

L’ambulatorio Dental@Med di Foligno mette a disposizione dei pazienti, oltre ai tradizionali trattamenti, la terapia laser, che, ad oggi, risulta essere una delle migliori tecniche per la disinfezione dei tessuti della tasca parodontale.