Che cos’è una carie?

cosa è una carie?

Sai davvero che cos’è una carie? La carie è un’infezione dentale che colpisce i tessuti duri del dente, ovvero la componente minerale.

Ha un decorso normalmente lento caratterizzato dal dissolvimento della struttura dentale da parte degli acidi prodotti dal metabolismo di batteri che popolano il cavo orale.
E’ la più comune fra le malattie curate dal Dentista ed è una delle maggiori responsabili del dolore orale e della perdita di elementi dentari.

Come si forma una carie?


Il decorso che porta alla sua formazione, per semplificare, può essere suddiviso in due fasi:

  • fase precoce (si presenta sotto forma di “white spot” o “macchia bianca”).
  • fase tardiva (l’area prende un colore più scuro, e il processo di decalcificazione prosegue fino ad intaccare le strutture nervose).

Quali sono le cause?

La carie presenta un’origine multifattoriale complessa, per semplificare possiamo affermare che i principali responsabili del processo sono i batteri presenti nella placca i quali trasformano gli zuccheri del cibo in acidi che aggrediscono prima lo strato più esterno del dente (lo smalto) e successivamente quello sottostante (la dentina).

Quali sono i Sintomi?

Nei primi stadi la carie è asintomatica. Quando i batteri si spingono in profondità, la lesione dà origine a disturbi che possono andare dall’alterazione di sensibilità fino al dolore pulsante e generalizzato che risulta del tutto insopportabile. Una carie porta, poco alla volta, alla vera e propria distruzione della corona del dente, cioè della sua parte visibile.
Se la malattia continua ad avanzare e a far danni, può rendere impossibile la ricostruzione del dente, lasciando come unica possibilità per l’Odontoiatra l’estrazione dell’elemento.
 L’intervento del Dentista è molto importante per fermare l’avanzamento della carie.

Come si cura?


La terapia consiste nella completa rimozione del tessuto demineralizzato ed infetto e, successivamente, nella ricostruzione della cavità con materiali compositi (altamente estetici) o in amalgama (le classiche “otturazioni scure”).
Nello specifico le fasi sono:

  • Asportazione della parte danneggiata del dente, che, essendo ormai demineralizzata e molle, non è più in grado di sostenere il carico masticatorio.
  • Preparazione del dente all’utilizzo di processi necessari per far aderire il materiale da ricostruzione.
  • Ricostruzione dell’elemento.

E’ possibile prevenire la sua formazione?

Assolutamente si, tra le manovre di prevenzione ricordiamo le più importanti:

Si ricorda sempre che solo il tuo dentista di fiducia può consigliarti la più corretta terapia in base al tuo caso clinico specifico.

Rif. ANDI 2021-01-02

Per informazioni e appuntamenti contattaci allo:
0742/679151
Tutto il nostro Staff sarà lieto di accoglierti.

prenotareCHIAMA ORA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *